GIUSTOPESO CON
DIE TA on LINE...e non solo

CURIOSITA' NUTRIZIONALI
(copyright by www.giustopeso.it)


TRUCCHI IN CUCINA

Esistono dei trucchi per tagliare le calorie e conservare il gusto: mantecare i risotti con yogurth magro o con un cucchiaio di besciamella e non con il burro, utilizzare spezie, aromi, aceto liberamente. Qualche cappero e oliva, piccole quantità di senape. Salsa di pomodoro, poco vino secco, succo di limone o di arancia in cottura.

 

LA DITTA DIETAPAN PROPONE UN PANE IPERPROTEICO

" mediante la miscela di farine di cereali e leguminose. Ricco di fibre e proteine vegetali, DIETAPAN  può essere utile a coloro che seguono programmi nutrizionali specifici:  Sovrappeso - Obesità - Fibrosi cistica - Anzianità - Vegetariani  - Attività sportiva. DIETAPAN fa bene e va bene sempre, per chi ha cura del proprio corpo nel rispetto di una forma fisica efficiente, riducendo l'apporto calorico, i grassi e... mangiando sano. Per una perfetta forma fisica è sempre bene avere il parere di un esperto in grado di personalizzare la giusta quantità giornaliera di proteine, carboidrati, fibre, vitamine e di quant'altro il nostro fisico necessiti".

Orbene, ecco i contenuti nutrizionali di questo pane (posti a confronto con la comune rosetta), che contribuisce ad aggravare il già notevole contenuto proteico della comune dieta occidentale. Non è poi chiaro perchè debba essere ridotto il contenuto in carboidrati complessi (che consentono la sazietà e la dismissione ritardata di zuccheri). Inoltre, il "minimo guadagno calorico" di questo alimento (maggiore comunque del pane integrale e simile alla più appetitosa pizza con il pomodoro), avviene a scapito dall'apporto minerale più elevato.
L'unico dato positivo è l'apporto maggiore di fibre, anche se lo stesso risultato si ottiene assumendo più frutta e verdura o il semplice pane integrale. 
Sinceramente non si avvertiva proprio il bisogno di questa "innovazione"!

 

(valori per 100 grammi)
 
kcal Proteine (g) Carboidrati (g) Grassi (g) Sali minerali (g)
Pane formato rosetta
(dati INN 2000)
269 9,0 57,6 1,9 <0,5
Dietapan 382 49,49 35,4 4,7 2,80

ABBACCHIO ROMANO
La parola abbacchio, deriva probabilmente da 'bacchio' che vuol dire bastone, ovviamente riferito a quello del pastore. Anticamente la pecora era mangiata durante i lavori in campagna, mentre l'agnello era consumato in occasione delle festività pasquali, come avviene tutt'ora.

ACQUA
L'acqua microfiltrata non è minerale (Aqua Parmalat) ma altro non è che acqua di rubinetto filtrata per per eliminare i microrganismi. Ma l'acqua di acquedotto è già priva di microrganismi. E allora? E allora paghiamo 0,24 euro al litro l'acqua di rubinetto!
E' consigliabile bere poco durante il pasto, perchè in tal modo si determina uno svuotamento più lento dello stomaco, con conseguente persistenza del senso di sazietà.
L'acqua del rubinetto: OTTIMA (Ascoli P, Bolzano, Cuneo, Pescara, Trento, Treviso, Cagliari, Campobasso, Latina, Potenza, Sassari, Bari, Roma, Verona); BUONA (Napoli, Ferrara, Genova, Trieste, Aosta, L'Aquila, Udine, Venezia, Ancona, Caltanissetta, Cosenza, Firenze, Foggia, La Spezia, Rimini); MEDIOCRE (Milano, Perugia, Benevento, Reggio Calabria, Grosseto, Siracusa). (Altroconsumo 1998)

ACQUE MINERALI

700 sono le sorgenti in italia. 6,8 miliardi sono i litri prodotti ogni anno e 266 sono le marche in commercio. Lo Stato ricava 500.000 euro per lo sfruttamento delle fonti. 260 euro è la spesa annuale familiare per acque minerali. Il consumo procapite medio è pari a 168 litri ( il più alto in Europa). Il prezzo medio al metro cubo oscilla da 191 a 1550 euro (il petrolio vale 77,5 euro al metro cubo).

Vale per tutti la regola dell'alternanza tra gruppi.
1) Acqua minimamente mineralizzata: residuo fisso a 180 gradi < 50 mg/l.
(Bernina, Calizzano, Lurisia, Norda Daggio, Plose, Surgiva, Vigezzo).
2) Acqua oligominerale o leggermente mineralizzata: residuo fisso a 180 gradi 50-500 mg/l.
(Crodo Lisiel, Fabia, Fiuggi, Guizza, Levissima, Lora di Recoaro, Mangiatorella, Panna, Pejo, Rocchetta, Sant'Antonio, San Benedetto, San Bernardo, Vera).
3) Acqua mediominerale: residuo fisso a 180 gradi 501-1500 mg/l.
(Acqua di Nepi, Boario, Bracca, Claudia, Ferrarelle, Gaudianello, Lete, Sangemini, San Pellegrino, Uliveto). Puo' portare ad un ecceso di sali nella dieta. Controindicata negli ipertesi.
4) Acqua ricca di sali minerali: residuo fisso a 180 gradi >1,500 mg/l.
(Regina Telese, Tettuccio, Toka). Sono sconsigliate per il consumo quotidiano.
Le acque del tipo 1) e 2) possono essere usate per ricostituire il latte formulato a causa della loro ipotonicita'.
Le acque possono essere anche suddivise in:
Acque sodiche (>200 mg/l):devono essere evitate dagli ipertesi e da nefropatici.
Acque solfate (>200 mg/l): adatte nel colon irritabile.
Acque magnesiache (>50 mg/l): utili nelle malattie cardiovascolari.
Acque clorurate (>200 mg/l):indicate nelle patologie epato-biliari.
Acqua bicarbonate (>600 mg/l):a digiuno riducono l'acidita' gastrica e durante i pasti aiutano la digestione.
Acque ferriginose (>1 mg/l):sconsigliate in caso di gastrite o ulcera.
Acque fluorate (>1 mg/l):attenzione a non esagerare per il rischio di fluorosi.
Acque calciche (>150 mg/l): aiutano a prevenire l'osteoporosi ed a ridurre l'ipertensione.

    L'acqua da bere tutti i giorni dovrebbe essere oligominerale od anche minerale ma con un tenore di sali inferiore a 1000 mg/l.

NON DATELE DA BERE AI BAMBINI.
I nitrati sono composti azotati indice d'inquinamento delle falde. Per i neonati, questi composti, anche in piccole dosi aumentano il rischio di metaemoglobinemia, grave malattia che riduce la capacità di trasporto dell'ossigeno dei globuli rossi. In quantità elevate, invece, sono pericolosi anche per gli adulti: si trasformano in nitriti, si legano alle ammine e danno le nitrosammine, agenti cancerogeni. La legge fissa un massimo di 45 mg/l per gli adulti e 10 mg/l per i bambini.

nome commerciale

nitrati (mg/l)

Fonte vallechiara 10,1
San Grato 10,9
Acquarossa 11,3
S. Carlo Fonte Aurelia 11,5
Petra Pertusa 12,0
Luna 12,3
Perla, Santafiora 13,0
Meo 13,1
Paraviso, San Felice 13,3
Lauretana 14,0
Funta Fria 14,6
Acqua Sacra 15,0
Sattai 16,1
Fonte Eleonora 16,8
Fonta Aura 16,9
Smeraldina 17,9
Fabia 18,0
Sorgente Tione 18,1
Fonte Itala 18,7
Fonte Camorei 19,6
Tolentino Sorgente Santa Lucia 19.7
MineralNeri Fonte delle rocce 19,8
Gabinia 22,8
Ciappazzi 23,0
Fonte Visciolo 23,7
Eureka 24,3
Giara 25,2
Paravita 25,7
Cutolo Rionero 26,4
Santa Maria 27,1
Santa Maria degli angeli 27,5
La Francesca 27,8
Madonna della Mercede 28,6
Aemilia 29,8
San'Elena 31,7
Pieve fonte d'oro 32,5
Egeria 33,0
Appia 33,7
Santa Maria alle Capannelle 40,0
Fonte di Palme 40,5
Generosa 42,0
Palmense del Piceno 42,6
Pozzillo 43,0
Santa Reparata 46,0

(Il salvagente 7-21 agosto 2003)

Ecco di seguito alcune acque minerali con il relativo contenuto in termini di residuo fisso, sodio, calcio e fluoro.
marca residuo fisso a 180°C sodio (mg/litro) calcio (mg/litro)

fluoro (mg/litro)

Ferrarelle
1279
49
380
1
Santagata
1030
47
270
1
Claudia
779
61
109
1,5
Acqua di Nepi
569
27
82
1,4
Lilia
345
32,1
0,7
San Benedetto
250
6,8
46
<0,1
Misia
209
3,3
67
S. Luca
206
2,4
60
0,3
Rocchetta
179
4,4
59
0,14
Levissima
75,5
1,8
19,5

ALCOOL
Poco alcool durante i pasti facilita la secrezione dei succhi gastrici, un eccesso determina un affaticamento del fegato.
Comunque ecco come valutare la percentuale di alcool etilico o etanolo: moltiplicare la gradazione alcoolica riportata sull'etichetta per 0.8 per ottenere i grammi di alcool contenuti in un litro.
La quantita' massima di alcool per chi si mette al volante e' pari a 0.5 mg per ml. Il calcolo si effettua dividendo il totale di alcool ingerito nell'arco di 1 ora per il peso corporeo espresso in grammi. Il totale viene moltiplicato per 1,47 per gli uomini e 1,81 se le donne e poi moltiplicato per mille.
Esaminando la lista seguente e' possibile tenere sotto controllo le "entrate":
Birra piccola chiara 5 mg, Amaro 8 mg, Birra piccola scura 9 mg, Bitter 10 mg, Alexander 10 mg, Birra media chiara 10 mg, Bellini 11 mg, Daiquiri 12 mg, Pina colada 12 mg, Negroni 12mg, Birra grande chiara 12, 5 mg, Vino 13 mg, Irish coffee 14 mg, Gin Fizz 14 mg, Grappa 16 mg, Whisky 16 mg, Tequila 16 mg, Vodka 16 mg, Vermouth 16 mg, Cuba libre 16 mg, Margarita 16 mg, Manhattan 16 mg,  Birra media scura 18 mg, Birra grande scura 22,5 mg.

ALIMENTI "ARRICCHITI"
A che cosa puo' servire vitaminizzare una caramella od aggiungere ferro ad un biscotto se non a dilatarne smisuratamente il prezzo?

ALIMENTI "GENETICAMENTE MODIFICATI" (OMG)
Elenco degli organismi geneticamente modificati approvati nel mondo

AMIDI
I grissini contengono, a parità di peso, più calorie del pane. Infatti i grissini si ottengono cuocendo al forno più a lungo una pasta simile a quella del pane: si ha quindi l'eliminazione quasi totale dell'acqua (priva di calorie) dall'impasto. 100 grammi di grissini contengono 14 grammi di grassi, per cui 100 grammi di grissini equivalgono a 150 grammi di pane comune.

ANORESSIA e BULIMIA
Diete rigidissime, digiuni = ANORESSIA
"Abbuffate" e poi vomito indotto e uso smodato di lassativi = BULIMIA
In Italia ogni anno 500 ragazze rifiutano il cibo fino alla morte.
Le ragazze anoressiche sono spesso figlie di uomini troppo rigorosi, "all'antica" che evitano il dialogo e, talvolta, esplodono in maniera violenta. Questi uomini sono spesso stati bambini derubati del tempo della spensieratezza e considerano le donne essere irrazionali.
Le madri di anoressiche lavorano molto dentro e fuori casa. Dal punto di vista degli affetti, il marito e' la loro unica risorsa. Lui, pero', non e' quasi mai all'altezza del compito: e si ritrovano presto sole. Sono madri fragili, a volte fredde, depresse, abituate al sacrificio e alle umiliazioni. Non chiedono mai aiuto. Quale figlia adolescente puo' identificarsi in una madre disprezzata dal padre?
Quindi si e' in presenza di genitori bambini ed immaturi. Dietro la facciata del superuomo, nel padre si nasconde una profonda dipendenza dalla moglie ch rappresenta quella madre tanto desiderata ed irraggiungibile, nella loro infanzia.
In conclusione, la figlia femmina, in cerca di modelli, si sente inadeguata ad affrontare gli impegni, la vita. E la famiglia non e' in grado di accogliere i suoi bisogni. Se smette di mangiare e' perche' l'unica cosa che sente di poter controllare e' il proprio corpo.

ISTRUZIONI PER L'USO AI GENITORI
1. non cambiare le abitudini di vita in funzione del figlio/a
2. i genitori devono evitare di litigare e di contraddirsi
3. Pretendere che il paziente si sieda a tavola con gli altri o impedire che il soggetto bulimico svuoti il frigorifero
4. Mantenere gli impegni sociali e contatti con il modo esterno
5. non derogare dalle regole e dai principi educativi in famiglia
6. Non trattare la paziente diversamente dagli altri figli
7. Continuare a fare i genitori, con fermezza e coerenza.
8. I genitori devono accorgersi di questo senso di inadeguatezza e devono cercare di porvi rimedio.

E' utile far considerare il cibo come una "medicina" che va assunta ad una precisa quantità o "posologia" (cercare di ottenere un aumento di 1-1,5 kg/settimana), qualità ed orari stabiliti (ogni 4-5 ore). Nelle prime fasi il paziente deve consumare i pasti in modo "meccanico" come se fosse un robot senza farsi influenzare dalle situazioni esterne ed a non fidarsi dei pensieri e/o tensioni che ha nei confronti del controllo dell'alimentazione: deve essere consapevole che questi sono eventi mentali che si verificano nelle persone ammalate da anoressia (tecnica di decentramento o disidentificazione).

APERITIVI
Ogni aperitivo contiene, in media,  le seguenti kcal: Pina colada 330, White russian 295, Margarita 200, Martini 190, Irish coffee 190, Sangria 160, Bloody Mary 140, 1 bicchiere di vino rosso 126, 1 bicchiere di vino bianco 121, 1 coppa di Champagne 81, Kyr 85, Bellini 50.

BRODO DI CARNE
Il brodo, dopo la cottura della carne (33 kcal/die), contiene pochi sali minerali, poche proteine, pochi grassi. E' quindi la carne cotta nel brodo che conserva la maggior parte dei nutrienti.

BUONO. Ma cos'è ?
Agone: pesce commestibile (America del Nord)
Ajowan: spezia simile al timo (India)
Alchechengio: bacca arancione, poco dolce e con retrogusto acidulo
All Blue: tipo di patata
Alosia: pesce commestibile (America del Nord)
Amaranto: non è un cereale ma è usato come tale
Andouille: salsiccia preparata con trippa di maiale o vitello (Francia)
Annatto: colorante e aromatizzante rosso (Messico, Asia)
Arame: tipo di alga
Arrowroot: amido vegetale ricavato dalla radice della maranta
Assafetida: spezia costituita da resina seccata derivata dai finocchi (India)
Azuki: piccoli fagioli rossi
Baklava: dolce preparata con pasta fillo (Grecia)
Bagel: panino ebraico a forma di anello
Bardana: ortaggio a radice, si prepara come la carota.
Bardhi: tipo di dattero
Beefalo: incrocio tra manzo e bufalo
Bigos: tradizionale piatto in umido (Polonia)
Bilimbi: frutto tropicale simile alla carambola
Bing: tipo di ciliegia
Bosc: tipo di pera
Bratwurst: salsiccia affumicata preparata con maiale, vitello, bacon, latte, cipolle, zenzero (Germania)
Buckling: aringa in salamoia e poi affumicata
Canjero: tipo di pane (Somalia)
Cantalupo: tipo di melone (Francia)
Carambola: frutto tropicale
Carreggina: addensante estratta dalle alghe (Irlanda)
Carvi: è una spezia di sapore più pronunciato dell'aneto
Cerimolia: è un frutto che non deve maturare
Ceviche: pasta con pesce crudo e limone (Perù)
Chapati: pane indiano
Chayote: tipo di zucca
Chica: bevanda alcoolica  a base di quinoa
Chipolata: piccola salsiccia cruda di maiale o maiale e manzo
Chorizo: salsiccia secca di maiale o maiale e manzo (Spagna)
Craquelot: aringa salata e affumicata
Cremortartaro: agente lievitante, sottoprodotto della vinificazione
Crosne: tubero (Asia)
Dahl: purè di lenticchie e mungo nero (India)
Dashi: brodo di kombu
Deglet Norr: tipo di dattero
Dhosai: tipo di pane di riso e mungo nero (India)
Dulse: tipo di alga
Durion: solo i semi e la polpa di questo frutto sono commestibili (Asia)
Eglefino: pesce simile al baccalà
Faffa: miscela di ceci, teff, latte scremato, zucchero, sale (Etiopia)
Fanciullaccia: simile al pepe (India)
Feijoa: frutta tropicale
Gai-lohn: tipo di broccolo (Cina)
Galanga: spezia simile allo zenzero (Tailandia)
Garam-masala: miscela di spezie (India del Nord)
Ghee: grasso animale (India, Paesi arabi)
Gomasio: preparato a base di semi di sesamo e sale marino
Gombo: ortaggio a frutto, simile al peperone (Africa)
Granciporro: tipo di granchio commestibile
Haddock: eglefino affumicato (Francia)
Halawy: tipo di dattero
Halibut: è il più grande dei pesci piatti
Hijiki: tipo di alga, simile a delle tagliatelle nere
Hiziki: tipo di alga
Hominy: chicchi di grano seccato
Hummus: salsa di purè di ceci, pasta di sesamo, aglio, succo di limone e olio di oliva (Libano)
Iaboticaba: è simile all'uva (Brasile)
Igname: simile alla patata (America del Sud)
Jaque: soli i semi di questa frutta tropicale sono commestibili (Asia)
Jicama: tubero (Messico)
Kamaboko: succedaneo dei fruti di mare preparato  con pasta di pesce
Kasha: chicchi di grano saraceno (Europa dell'Est)
Khadrawi: tipo di dattero
Kielbasa: salsiccia affumicata a base di manzo e maiale (Polonia)
Kipper: aringa intera leggermente affumicata
Kombu: tipo di alga
Kudzu: amido simile al mais (Cina, Giappone)
Kuzu: Simile all'arrow-root
Lap-cheong: piccola salsiccia cinese a base di maiale, cereali e soia (Cina)
Levistico: simile al sedano (Germania, Gran Bretagna)
Litchi: la polpa dolce di questo frutto è simile alla fragola, alla rosa, al moscato (Cina)
Longana: frutta tropicale (India)
Loto: ortaggio a radice (Asia)
Lucioperca: pesce commestibile di acqua dolce. Si prepara come il luccio
Macis: è la membrana che ricopre il guscio della noce moscata, ricorda la cannella e il pepe
Mahi-mahi: pesce tropicale commestibile
Malanga: simile alla patata (Antille)
Mangostano: si mangia come l'arancia
Maracuja': detto anche frutto della passione. E' ottimo mangiato fresco.
Medjool: tipo di dattero
Merguez: piccola salsiccia a base di agnello, manzo o montone (Algeria)
Merlano: simile al baccalà
Miso: lunga (3 anni) fermentazione naturale di fagioli di soia, orzo, sale marino e acqua
Mufo: tipo di pane (Somalia)
Mungo nero: tipo di fagiolo (India, Birmania, Pakistan)
Natto: condimento di consistenza vischiosa preparato con fagioli di soia fermentati
Nopal: sono le foglie grandi e carnose del cactus Nopal (America centrale)
Nori: tipo di alga
Okara: polpa seccata di fagioli di soia
Orange roughy: pesce commestibile del Pacifico del Sud
Ouananiche: salmone di acqua dolce (Norvegia, America del Nord-Est)
Pak-choy: simile alla bietola (Cina)
Papa-huancaina: patate con salse (Perù)
Pasta fillo: pasta soffice (Grecia)
Pastinaca: ortaggio a radice, si prepara come la carota
Pecan: tipo di noce (America del Nord)
Pe-tsai: simile alla lattuga (Cina)
Pita: pane piatto e ovale (Medio Oriente)
Plantain: detta anche banana da cuocere (Africa, America del Sud)
Portulaca: simile agli spinaci, ha un sapore aspro e piccante
Pummelo: agrume a forma di pera, è meno sugoso del pompelmo
Quinoa: può sostuire il riso
Rambutan: frutto tropicale (Malesia)
Ras-el-hanout: miscela di spezie (Marocco)
Rillettes: carne di maiale o coniglio, oca, pollame, anatra, vitello o pesce cotta nel grasso
Rutabaga: ortaggio a radice, ha un sapore più deciso di quello della rapa (Scandinavia)
Salicornia: tipo di alga
Sambusi: pastasfoglia ripiena di carne, verdure e spezie (Somalia)
Sapodilla: il sapore di questo frutto è simile a quello del miele o dell'albicocca
Scorzobianca e scorzonera: ortaggio a radice, hanno il sapore dei cetrioli o degli asparagi
Seco: carne com prezzemolo (Perù)
Seitan: prodotto con il glutine estratto dalla farina di grano duro e cotto nella salsa di soia (tamari) e un'alga (kombu)
Shiitake: tipo di fungo (Giappone)
Shortening: olii vegetali unito ad olii animali
Sommacco: spezia di color bruno-porpora, ricorda il limone (Turchia, Medio Oriente)
Sperlano: piccolo pesce commestibile
Spirulina: tipo di alga
Tahin: burro di sesamo
Tamari: salsa fatta fermentando i fagioli di soia, frumento e sale marino per almeno 18 mesi
Tamarillo: si cucina come il pomodoro (America del Sud)
Tangelo: incrocio tra il pompelmo ed il mandarino
Tangor: incrocio tra tangerino e arancia dolce
Taro: tubero simile alla patata
Teff: simile al miglio (Etiopia)
Tempeh: prodotto fermentato composto con fagioli di soia
Tofu: cagliata (formaggio) ottenuto dai fagioli di soia
Tomatillo: simile al pomodoro (Messico)
Tomcod: pesce commestibile dei canali (Quebec)
Topinambur: tubero, ricorda lo zenzero
Tortilla: focaccia sottile di farina di mais
Ugli: la sua polpa è più dolce di quella del pompelmo
Umeboshi: prugne giapponesi messe in salamoia per 3 anni e poi seccate
Vanneau: mollusco spesso confuso con la cappasanta
Vinaneau: pesce commestibile con squame rosse
Wakame: tipo di alga (Giappone)
Wasabi: condimento verde dal gusto molto forte
Weisswurt: salsiccia bianca a base di vitello, panna e uova (Germania)
Yuba: pellicola formata dal latte di soia riscaldato (Giappone, Cina)
Zespri Gold: kiwi (quello comune è la varietà Hayward) dalla polpa gialla.

BURRO
Il burro si ottiene dalla sbattitura meccanica del latte. Ingloba una parte di acqua. Ha un contenuto in grasso pari all'85%. 100 grammi di burro contengono la stessa quantità di colesterolo di un uovo di gallina. Su 10 grammi di burro circa 8,3 g sono costituiti da grasso, di cui circa 5 g di grassi saturi. Ma di questi ultimi, almeno un grammo è costituito da acido stearico, un grasso che, entrato in circolo, si trasforma in acido oleico, e un altro grammo è costituito da acidi grassi a catena corta (fino a 10 atomi di carbonio), che nell'organismo non contribuiscono minimamente a rendere problematico il metabolismo dei grassi circolanti e che vengono utilizzati come fossero carboidrati. Gli altri grassi sono costituiti da 3, 1 g di acidi grassi insaturi, proprio come quelli dell&rsquolio di oliva.

CAFFE'-CAFFEINA
L'espresso "lungo" contiene più caffeina di quello ristretto. 1 caffe' espresso=60-120 mg di caffeina, 1 caffe' decaffeinato= 2-5 mg, 1 bustina di the'= 15-20 mg, una lattina di Cola=30-40 mg, 100 g di cioccolato fondente=70 mg, 100 g di cioccolato al latte= 20 mg.
(Ricordiamo che l'1% della caffeina assunta dalla mamma passa nel latte).

CALCIO
Il calcio e' presente non solo nel latte, formaggi e derivati, ma anche nelle alici, gamberi, polpo, lattarini, caffe', wafer al cioccolato, biscotti per l'infanzia, muesli, basilico, cicoria, menta, prezzemolo, rosmarino, rughetta, salvia.

CALORIE

valori calorici (kcal) di alcuni alimenti per 100 grammi di parte edibile (dati INN 1996)

 
meno di 50 fagiolini, fave fresche,latte e yogurt scremati e parz.scremati, aranciata, cola, birra, frutta e verdura -tutta- (tranne qelle seguenti)
51-100 mais in scatola, fagioli in scatola, carne bovina in gelatina (in scatola), piselli freschi e in scatola, patate, banane, kaki,mandaranci, mandarini, mele, pesche sciroppate, succhi, uva, trippa, uovo, vitello, alice, aragosta, calamaro, cozze, merluzzo, palombo, sogliola, trota, latte intero, ketchup, vino
101-150 olive verdi, fegato, bovino, capretto, cavallo, coniglio, tacchino, triglia, fiocchi di latte magri, pappa reale, vermouth, fior di fragola, ghiacciolo
151-200 castagne, agnello, pollo, bresaola, salmone, tonno, ricotta di pecora, vacca, formaggi light, aperitivi, nutella
201-250 pane integrale, avocado, olive nere, prugne secche, hamburger, prosciutto cotto e crudo, feta, dadi da brodo, brandy, grappa, whisky, marmellata
251-300 pane, datteri, wurstel, fior di latte, crescenza, stracchino, mozzarella, cono gelato
301-350 farina, pasta, pizza, riso, mortadella, prosciutto di montagna, speck, salsiccia, panna, formaggino, fontina, taleggio, robiola, gorgonzola, caramelle, crostata, miele, panettone
351-400 cornflakes, popcorn, cocco, coppa, salame tipo napoli e tipo milano, provolone, parmigiano, cacao in polvere, cannoli alla crema, merendine con marmellata, savoiardi, torta margherita 
401-450 biscotti, crackers, cornetti, fette biscottate, grisini, cotechino, salame tipo ungherese, tipo fabriano, caciocavallo, emmenthal, pecorino, grana, merendine farcite
451-500 merendine tipo pan di spagna
501-550 ciccioli
551-600 noci, pinoli
601-650 pistacchi
651-700 nocciole, maionese
751-800 burro, margarina
851-900 olio di semi e di oliva

CALORIE "VUOTE"
Sono le calorie presenti in un alimento che fornisce all'organismo energia (e quindi carboidrati e/proteine e/o lipidi) senza apportare quote soddisfacenti di minerali e vitamine.

CARNI "ROSSE" O CARNI "BIANCHE"?
Il valore nutrizionale è il medesimo. La differenza di colore è dovuta ad una maggiore presenza di mioglobina, un pigmento che combinandosi con l'ossigeno accentua la colorazione delle carni.

CARNI AVICOLE
Il mangime per il pollame è costituito da granoturco, farina di soia, erba medica, vitamine, sali minerali. Il ciclo di vita di un pollo di allevamento è in media di 2 mesi.
Nel 1996, in Italia, il consumo pro-capite di carni avicole è stato di 19,3 kg (60% pollo, 25% tacchino, 15% gallina, faraona, anatra, oca), negli USA 45 kg pro-capite. Comunque i consumi sono in aumento: nel 1955 ogni abitante consumava 2,2 kg di pollame. Pollo e tacchino contengono la stessa quantità di proteine delle altre carni (fino a 22,1% e 23,6% nel petto, a fronte del 21% mediamente presente nella carne bovina più magra) e di qualità elevata, pari a quella delle proteine di tutte le altre carni. Non esistono differenze nutrizionali rilevanti tra il pollo ruspante ed il pollo di allevamento.

CARNI SUINE
Nel 1996 In Italia il consumo è stato di 28 kg pro-capite.
E' la carne alternativa è piu' consumata in Italia. E' un eccellente fonte, relativamente a buon mercato, di proteine, al pari di quella bovina, oltre che di vitamine B1 e B2.

CELLULITE
E' causata inizialmente da un deficit della microcircolazione del derma: il sangue non scorre bene, ristagna e comporta, a lungo andare, una pelle a "buccia d'arancia".
Un consiglio: usare tacchi non piu' alti di 2,5 cm. Un tacco piu' alto favorisce la comparsa della cellulite.
Unici veri rimedi: movimento e dieta sana !

CENONE DI NATALE e/o DI FINE ANNO
Se siete sovrappeso o semplicemente volete limitarvi nei giorni di festa?
Eccovi 2 possibili alternative alle grandi abbuffate. Fate Voi !Pranzo "salato" da 1341 kcal 2 crostini al salmone, risotto (80 g) allo champagne, burro e parmigiano, tacchino attosto (100 g) con patate (150 g), vino 1 bicchiere, pane (25 g),  una  coppa di spumante, macedonia di frutta (150 g).Pranzo "dolce" da 1085 kcalTortellini in brodo (60 g), faraona arrosto (100 g), insalata mista (60 g) con olio, pane (25 g), panettone 100 g, mandarini 100 g, una coppa di spumante, torrone (30 g).

CENTRI DI DIMAGRAMENTO RAPIDO
Prima di prenotare, leggete qui!
Secondo Altroconsumo i centri privati di dimagramento veloce possono nascondere una truffa. Una inchiesta condotta su 23 istituti e' emerso che "nessun centro offre un servizio ottimo o buono, poiché nessuno dei trattamenti contemplati fa perdere grasso. Solo 5 centri sono giudicati sufficienti, 7 mediocri, 3 pessimi perche' la dieta non e' consona, 8 assolutamente da evitare, poiche' propongono trattamenti seriamente nocivi, come quelli a base di forte sudorazione indotta da alte temperature o perche' non includono una dieta alimentare nel programma. Inoltre spesso anche il costo e' una batosta".La Repubblica Salute pag. 23 del 30 aprile 1998

CEREALI "PERDUTI"
-panico (dopo aver nutrito l'uomo per secoli oggi nutre passeracei e canarini)
-meliga
-sorgo africano
-scagliola
-teff etiopico (usato per preparare piadine che si mangiano con la piccante salsa "zighinì")
-fonio decorticato
-ganaga
-lacrima di Giobbe
-quinoa
-cram cram
-teosinte
-cocaran

CETRIOLO
Il cetriolo è l'alimento con il maggior contenuto acqueo: 96.5% .

CIOCCOLATO
Questi i valori calorici ogni 100 grammi: cioccolato fondente (515 kcal), cioccolato al latte (545 kcal), cioccolato al latte con nocciole (543 kcal), cacao amaro in polvere (355 kcal), crema di nocciole e cacao (537 kcal).

COCA-COLA: come e' fatta!
1 goccia d'olio di coriandolo, 1 goccia d'olio di fiori d'arancio, 0.94 g di olio d'arancia, 1.79 g di  limone, 0.14 g d'olio di noce moscata, 0.41g d'olio di cannella.
Diluite questa mistura in 9.97 g di alcool e 5.5 g d'acqua. Agitate e lasciate riposare per 24 ore. A questo punto vedrete galleggiare un liquido giallo,  il misterioso "7X" che servirà in  seguito nella preparazione.
A parte , diluite 4.88 kg di zucchero in  un po' d'acqua bollente e lasciate raffreddare.
Aggiungete 73 g di caramello, 6.3 g di caffeina, 22.4 g di acido fosforico, una punta di polvere di noce di cola, 61 g di succo di limone verde, 38.7 g di glicerina e
3.05 g di estratto di vaniglia.
Aggiungete a questo punto il liquido  giallo di prima e mescolate energicamente il tutto.
Aggiungete acqua gassata: questo sciroppo permette di ottenere 50 litri di bibita alla cola.
(Altroconsumo numero 95 - Giugno 1997)

COLESTEROLO
Non contengono colesterolo gli olii vegetali, il cacao in polvere, la margarina vegetale, l'albume dell'uovo. Comportamenti alimentari raccomandati per ridurre la colesterolemia: usare meno grassi di condimento; moderare l'assunzione di burro, lardo, pancetta, panna; preferire l'olio di oliva, possibilmente a crudo; scartare il grasso visibile e moderare il consumo delle carni "rosse" e degli insaccati; preferire pollo, tacchino, agnello; consumare piu' frequentemente pesce; usare latte e yogurt parzialmente scremati e non eccedere nel consumo di latti e latticini.

COLESTEROLO E FITOSTEROLI
I fitosteroli, della stessa famiglia del colesterolo, possono ridurne l'assorbimento intestinale  a causa della somiglianza degli uni con l'altro. I fitosteroli sono presenti nelle piante e una dieta tipo occidentale fornisce solo 80 mg di fitosteroli al giorno contro i 345 mg delle diete vegetariane ed i 400 mg della dieta giapponese.
E' utile incentivare il consumo dei fitosteroli nei soggetti ipercolesterolemici, bambini compresi.
 

 
alimento Fitosteroli 
(mg/ 100 grammi)
crusca di riso 1325
olio di mais raffinato 952
semi di sesamo 714
semi di girasole 534
olio di girasole raffinato 444
tè verde 345
tè nero 260
olio di soia raffinato 221
arachidi 220
mais 178
olio di oliva raffinato 176
soia 161
mandorle 143
pinoli 141
piselli 135
fagioli 127
noci 108
farina di frumento 60
limone buccia 35
fichi 31
banana 16
limone intero 12
mele 12
ananas 6
(Journal of the American Dietetic Association)

CREATINA
La creatina è un derivato di due aminoacidi, glicina e arginina, che attraverso il circuito della fosfochinasi libera ATP e forma fosfocreatina. Si può pertanto definire un fornitore di energia pronta per l' attività muscolare. È per tale motivo ampiamente utilizzata per aumentare la performance di soggetti che svolgono attività sportiva.
Una dieta equilibrata è in grado di garantire il fabbisogno giornaliero di creatina esogena, pari a l grammo al giorno. Si  può ritenere che tale fabbisogno si possa elevare fino a 2-3 grammi in soggetti con un turnover più elevato, e infatti in Italia preparati di creatina sono autorizzati alla vendita come " alimenti" purche a dosi contenute entro i 3 g/die. Se le dosi sono superiori e comunque comprese tra 3 e 6 g/die, per essere commercializzati tali preparati hanno bisogno di una specifica autorizzazione e vengono classificati " lntegratori" destinati a una articolare popolazione, nello specifico quella che svolge intensa attività sportiva. Purtroppo le dosi consigliate, reclamizzate e utilizzate da atleti in età sia adulta che giovanile o addirittura pediatrica sono spesso molto superiori, raggiungendo i 20 g/die per alcuni giorni o anche per lunghi periodi di tempo.
Al momento gli eventi più temuti a seguito di iperdosaggio (dal 1993 sono state registrati 2 casi mortali) o dosaggi prolungati di creatina riguardano:
1) disidratazione, riduzione del volume ematico e turbe elettrolitiche;
2) riduzione della filtrazione glomerulare e possibile danno renale;
3) rischi conseguenti alla presenza di contaminanti che aumentano con l'aumento delle quantità ingerite.

La creatina, ritenuta quindi avere un effetto &ldquo;energizzante&rdquo; per l'apparato muscolare e spesso  abusata nel mondo dello sport, è presente anche in diversi alimenti.
In un soggetto adulto di media taglia è necessaria 1,2-1,7 grammi di creatina al giorno, di cui 2/3 sono forniti dalla sintesi epatica. I seguenti alimenti hanno (ogni 100 g) il più elevato contenuto (g) di creatina: aringa 10, carne di maiale 5, salmone 4.5, carne di manzo 4.5, tonno 4, merluzzo 3, latte 0.1

CROMO
Uno degli obiettivi principali per favorire il dimagramento è aumentare la sensibilita di tutte le cellule all'insulina.
Il cromo contribuisce con l'insulina a facilitare l'assunzione di glucosio da parte delle cellule.
Senza cromo l'azione dell'insulina risulta bloccata ed il tasso di zucchero nel sangue aumenta.

DIGERIBILITA' DEI CIBI
Le uova più sono cotte, meno sono digeribili. E' più digeribile il pane raffermo o biscottato. La digeribilità è migliore per le carni bollite piuttosto che per quelle arrosto o per quelle alla griglia. I legumi sono più digeribili se passati. Il latte è più digeribile quando è bollito.

E...STATE attenti a cosa bevete!
Un esempio: cocktail tropicale multivitaminico: succo di mela, arancia, polpa di guava, albicocca, succo di uva, pera, ananas, limone, polpa di banana, mango, pesca, succo di papaya. Questo "frullato di sapori" di 200 ml apporta 98 kcal ed il 30 % giornaliero di alcune vitamine (frutta e verdura assicurano questo a minori calorie). Altri esempi: the' freddo 31 kcal ogni 100 ml, cola o aranciata 48 kcal ogni 100 ml. Orbene, necessitano 7000 kcal per aumentare di 1 kg di peso. Ogni giorno 200 ml di cocktail e 200 ml di the' freddo conducono ad una aumento di 1 kg in 45 giorni (1/2 estate), senza colpo ferire: meditate

FAST-FOOD
Mentre pranzare al fast-food può significare un apporto dell'80% delle calorie giornaliere, l'introito di principi attivi è basso: non più del 10% del fabbisogno di vit. A, non  più del 30% di vit. C. Scarseggiano anche ac. folico, ac. pantotenico, vit. B6, vitamina E. Per passare agli oligoelementi risulta macroscopico il deficit di ferro, rame, zinco, magnesio, calcio.
Un piatto veloce standar contiene il 40-55% di calorie in lipidi: troppo rispetto al 30% consigliato. Inoltre i fast-food  utilizzano olii vegetali, poveri di colesterolo, ma ricchi di ac. saturi (olio di palma, olio di cocco), oppure destinati a liberarli durante la cottura.
Riguardo al sodio, un cheeseburger con pancetta ne contiene oltre 1000 mg. La soglia complessiva giornaliera è di 1100-1300 mg. Si va ben oltre con patatine fritte, salsa ketchup, milkshake.
Punto dolente del fast-foods è inoltre la carenza di fibre alimentari e l'elevato apporto proteico.

 FERRO: ASSORBIMENTO INTESTINALE MEDIO DI ALCUNI ALIMENTI (% di quanto assunto):
RISO 0.9 %
MAIS 3.7%
SPINACI 1.3 %
LATTUGA 4.0 %
GRANO 5.1%
LATTE MUCCA  (nel  bambino) 11.0%
UOVA 11.0%
LATTE UMANO 49 %

FOBIE ALIMENTARI
La paura, il sospetto verso un cibo nuovo comincia a manifestarsi verso i 2 anni e spesso ne sono involontari complici i genitori, che " hanno poca pazienza nel cercare di ampliare il gusto del figlio". I genitori dovrebbero mettere in tavola anche cibi a loro stessi non graditi.

FRIZZI E LAZZI ALIMENTARI
Medicina naturale. D'Adamo PJ.
Gruppo sanguigno 0. Alimentazione ricca di carne e consumare meno formaggi.
Gruppo A. più soia, riso, verdure e limitare gli altri cereali.
Gruppo B. abbondare in latte e latticini me non tollera il frumento e la carne di pollo.
Gruppo AB: previlegiare frutta e verdura e limitare la carne.
Ebbene si', succede anche questo (n.d.r.)

GELATI
Nel 1996 sono stati prodotti in Italia 209326 tonnellate di gelati industriali e 227000 tonnellate di gelati artigiani.
1 cornetto Algida = 250 kcal (75 grammi), 3 palline di gelato (180 grammi) di fior di latte = 392 kcal, di cioccolato = 287 kcal, di caffe' = 359, di fragola = 260 kcal. 1 coppa del nonno = 185 kcal 875 grammi), 1 calippo di arancia = 82 kcal (60 grammi), 1 magnum = 257 kcal 880 grammi), 1 maxibon = 300 kcal.
Il cono artigianale apporta (ogni 100 grammi) 100-200 kcal, fino a 6 grammi di proteine e fino a 8 grammi di grassi, con 14-24 grammi di zuccheri.

INSONNIA
Alcune sostanze presenti nei cibi funzionano come precursori della melatonina. Ne è un esempio il triptofano, ma anche la niacina, la piridossina, la vitamina C e il magnesio.

Alimenti da evitare: Caffè, te', bevande a base di cola (Coca-Cola, Pepsi Cola, ecc.), cioccolato, alcoolici, superalcoolici, zuccheri, carne di maiale contenente spezie (pancetta, prosciutto, salsicce), formaggi stagionati (parmigiano, provolone, grana) e in alcune verdure (patate, pomodori). Sono eccitanti anche il mate (te' dei Gesuiti), il guarana', la rosa Canina e il carcade'.Alimenti consigliati: -ricchi di triptofano: arachidi tostate, fesa di tacchino, latte e latticini, manzo, prosciutto crudo, salmone fresco.
-ricchi di pridossina: arachidi tostate, carote, cipolle, kiwi, lievito, tonno sott'olio.
-ricchi in niacina: coscia di pollo, fesa di tacchino, mandorle, manzo, prosciutto crudo, tonno sott'olio
-ricchi in vit.C:agrumi, ananas, asparagi, bietole, cavoli, fragole, kiwi, melanzane, melone, peperoncino, pepeoni, radicchio verde, zucchine.
-ricchi di magnesio: aglio, arachidi tostate, banane, mandorle, nocciole, pane integrale, prugne secche, riso integrale, salmone fresco, spinaci.

INVOLUCRI CON PLASTIFICANTI
In Italia si vendono 21 milioni di rotoli di pellicole di plastica per alimenti. Oltre il 90% dei rotoli ha come materia prima il PVC, miscelato (5-20%) da un plastificante DEHA (Di-Ottil-Adipato). Il quantitativo massimo di DHEA e', anche in Italia, di 0.3 mg/kg/giorno.
In pratica ecco uno schema che puo' aiutare a conservare al meglio gli alimenti:

 
INVOLUCRO
SI
NO
POLIETILENE Tutti i cibi freddi e surgelati Cibi caldi (>70°)
PVC Cibi senza grassi e alcool Cibi caldi e/o grassi o contenenti alcool
ALLUMINIO Cibi grassi  (formaggi, carni, pesci) Cibi salati e/o acidi (es. salumi, sottaceti)

LATTE
La metà circa dei grassi del latte è costituita da acidi grassi saturi.
Il latte pastorizzato non deve essere bollito, ma solo scaldato.
L'American Academy of Pediatrics raccomanda di non utilizzare il latte vaccino intero e le formule a basso tenore di ferro nel corso del primo anno di vita. (Pediatrics vol. 4; 4 agosto 1992).
Infatti, i  bambini alimentati con latte vaccino intero hanno un ridotto apporto di ferro, di acido linoleico e di vitamina E mentre l'apporto di sodio, potassio e proteine è eccessivo.

LUOGHI COMUNI DEGLI ITALIANI SULL'ALIMENTAZIONE (CIRM 1999)

 
CONVINZIONE
% DELLA POPOLAZIONE 
CHE LO PENSA
GIUDIZIO NUTRIZIONALE
DEL LUOGO COMUNE
La frutta deve essere mangiata con la buccia perche' e' la parte che contiene piu' vitamine
65%
INFONDATO ED ERRONEO
La frutta deve essere mangiata lontano dai pasti 
65%
INFONDATO
Lo zucchero di canna e il miele fanno meglio dello zucchero bianco
65%
FALSO
Il pesce fa bene alla memoria perche' contiene fosforo
81%
NON CORRETTO
I polli sono nutriti con mangimi chimici 
79%
FALSO
Il limone disinfetta i frutti di mare
60%
ASSOLUTAMENTE FALSO
La vitamina C non fa venire il raffreddore 
59%
NON CORRETTO
I polli sono allevati in batteria 
75%
ASSOLUTAMENTE FALSO
Lo yogurt e' un toccasana
66%
ESTREMIZZAZIONE
La carne rossa fa sangue
67%
PRIVO DI FONDAMENTO

MASTICAZIONE
E' importante anche il fattore "tempo di masticazione" . Se non le 33 volte per boccone "della nonna" almeno la meta' male non sarebbe. Anche perche' la voracita' fa aumentare, tra l'altro, l'ingestione di aria.

MELE
Le mele si trovano in commercio in ogni stagione dell'anno, ma vengono raccolte tra agosto e novembre e poi conservate a basse temperature (0-2°C) anche per 1 anno.
Una sfumatura rossastra della mela è la spia che si tratta di una mela di montagna (il colore è dato dalla variazione di temperatura tra giorno e notte).
Devono essere consumate entro pochi giorni se conservate a temperatura ambiente.
L'etilene è una sostanza prodotta dalle mele che, innocua per l'uomo, è nociva per frutta e verdure che si sciupano ed invecchiano più rapidamente.
Meglio separare nel frigo le mele dall'altra frutta (non è sufficiente lasciarle nella pellicola di plastica della confezione).
Sono 7 le varieta' di mela piu' conosciute:
-Red Delicious (rosso intenso,polpa color crema, molto dolce). Adatta come frutto da tavola.
-Golden (buccia sottile, di color giallo vivo). Molto indicata per la preparazione di crostate, torte e strudel
-Imperatore (di grosse dimensioni, con buccia rossa striata, polpa farinosa). Ideale per le classiche mele al forno.
-Granny Smith (color verde brillante, ha la polpa bianco-verdognola, poco zuccherina, croccante). Indicata nelle insalate e nei sorbetti.
-Annurca (piccola, di forma schiacciata, polpa bianca, molto profumata). Indicata come frutto da tavola.
-Renetta (colore giallo-verde, polpa succosa e zuccherina, leggermente acidula). Indicata in pasticceria.
-Stark (di colore rosso striato di giallo e forma simile alle delicious, se ne differenzia per le più piccole dimensioni). Adatta come frutto da tavola.
Altre varietà: Cortland, Spartan, Melba, Golden Russett, Empire, McIntosh, Idared, Jonagold, Gloster, Braeburn, Fuji, Stayman, Morgenduft, Royal gala, Elstar, Ozark gold,

MINERALI
Ecco alcuni alimenti vegetali in cui sono presenti i minerali:


Calcio  melassa
Cloro  sale da tavola
Cromo  miele, lievito di birra
Ferro  melassa
Fosforo  germe di grano
Iodio  sale iodato
Magnesio  germe di grano
Selenio  lievito di birra, 
germe di grano e crusca
Manganese  germe di grano
Molibdeno  germe di grano
Potassio  semi di girasole
Rame  melassa
Sodio  sale da tavola, bicarbonato di sodio
Zinco  lievito di birra,
germe di grano
Zolfo  peperoncini piccanti

 

MOZZARELLA DI BUFALA CAMPANA
L'allevamento delle bufale sembra risalire intorno all'anno mille infatti, in un documento ritrovato, lo Stato Pontificio obbligava una famiglia nobile del Lazio a cedere alcuni suoi terreni per il pascolo degli animali. Solo dopo il seicento in ogni modo è iniziata la lavorazione del latte su vasta scala, prima solo per la produzione di burro, ricotta e provola, in seguito per la preparazione della mozzarella.

"MUCCA PAZZA"
SICURI: carne (muscolo), latte e derivati, bresaola, nervetti, salumi e insaccati di puro suino, trippa, gelatine vegetali, hamburger preparato al momento

MEGLIO EVITARE: paste ripiene, sughi di carne, lasagne surgelate, hamburger già confezionati o del fast food, wurstel, salame, mortadella, salsicce, carne in scatola, dadi per brodo, fegato di bovino adulto, osso buco
 

MULTINAZIONALI: ecco cosa producono
BARILLA
E' presente con i seguenti marchi:
Barilla, Crakers Motta, Essere, Gran Pavesi, le Tre Marie, le Spighe, Mulino Bianco, Pavesini, Voiello, Panem.

MONTEDISON
E' presente con i marchi:
Carapelli, Cereol, Delizie, Eridania, friggi, Giglio Oro, Hoc, Lara, Le Macine, Ligustro, Oro Verde, Rustichella, Sigillo, Teodora, Verdi Colli.

UNILEVER
E' presente con i marchi:
Algida, All, Atkinson, Axe, Benefit, Bertolli, Bio Presto, Calvè, Cif, Ammoniacal, Clear, Coccolino, Cutex, Dante, Denim, Dove, Eldorado, Findus, Fiore Verde Findus, Friol, Genepesca, Gico, Gradina, Ice Tea Lipton, Igloo, Jolly, Leocrema, Lipton, Lux Lysoform, Marè, Maya, Mentadent, Milkana, New Dimension, Oio, Paperino's, Pasta sfoglia Findus, Pat boon, Pepsodent, Pizza, Le ricette del sole Findus, Pizza forno Findus, Punto Weight Watcher, Pure & Vegetal, Rama, Rexona, Rocca dell'Uliveto, S. Giorgio, Sorbetteria Ranieri, Speedipizza Findus, Surf, Svelto, Timotey, Top Down, Tesoroni, Vim Clorex, Vim Liquido, Vive la vie.

NESTLE'
E' presente con i marchi:
Acqua brillante, Recoaro, After Height, Alemagna, Antica Gelateria del Corso, Bella Napoli, Buitoni, Belté, Berni, Cacao Perugina, Cappuccino, Cheerios, Chinò, Chocapic, Cioccoblocco, Caludia, Condipasta, Condiriso, Dorè, Ecco... Franck, Fiorello, Fontelimpia, Fruttolo, Galak, Gingerino Recoaro, Gold Krisp, Guigoz, King, Kit Kat, La Cremeria Motta, la Valle degli Orti, Le ore liete Perugina, Levissima, Limpia, Lingotto, Locatelli, Lora Recoaro, Maggi, Malto Kneipp, Mare Fresco, Miglioli, Mio Locatelli, Mio Yougurt, Mirage, Motta (gelati), Nescafè, Nesquil, Nestea, Nestlé, Nestum, One-O-One, Orzoro, Panna, Pejo, Perrier, Perugina, Pezzullo, Pizzaiola Locatelli, Quality Street, Recoaro, Sanbernardo, Sanpellegrino, Sanbitter, Sasso, Surgela, Trio, Ulmeta, Vera, Vismara, Voglia di Pizza, anche la licenza di comemrcio dell'acqua Fiuggi.

NOVARTIS
E' il risultato della fisione tra Sandoz e Ciba Geigy.
Céreal, Dietor, Frizzina, Fruttil, Gerber (omogeneizzati), Idrolitina, Isostad, La Buona Natura, Novosal, Ovomaltina, Piz Buin, Sandoz AG, Vantaggio, Vigoplus

PARMALAT
E' presente con i marchi:
Bonlat, Chef, Corradini, Dietalat, Giglio, Kyr Parmalat, La Frutta, Mister Day, Oro Centrale, Parmalat, Pizza Pronto forno, Plasmon, Pomì Punto Weight Watchers, Santal, Tea Food, Tettamanti, Vecchio Forno.

PHILIP MORRIS
E' presente con i marchi:
Lila pause, Milka, Milka Tender, Caramba, Faemino, Hag, Splendid, Bittra Suchard, Cote d'Or, Terry's, Toblerone, Simmenthal, Spuntì, Fini (tortellini, aceto, pasta), Invernizzi, Negroni, Dover, Gim, Jocca, Maman Louise, Milione, Mozary, Osella, Philadelphia, Primolo, Sottilette, Yoplait, Legeresse, Mayonnaise, Mato Mato, Vallè.

OLII
I condimenti vegetali (olii) non contengono colesterolo.
L'olio di oliva è costituito essenzialmente da ac. oleico (monoinsaturo).
Gli olii di semi (ricchissimi in ac. grassi polinsaturi, essenzialmente ac. linoleico) riducono non solo il colesterolo totale ma anche l'HDL-colesterolo (ovvero quello "buono"). Inoltre un eccesso di polinsaturi nella dieta comporta una maggiore produzione di radicali liberi.
Gli olii di semi per la loro instabilita' andrebbero usati solo a crudo e non esposti alla cottura. Unica eccezione e' rappresentata dall'olio di arachide, che contenendo un'alta percentuale di ac. oleico, e' piu' stabile alla cottura e piu' quindi essere utilizzato anche per la frittura, in alternativa all'olio di oliva.
Non esistono olii grassi ed olii magri ma tutti forniscono lo stesso quantitativo di grassi.
Gli olii dietetici non aiutano a dimagrire ma sono solo aggiunti di vitamine.

PANDORO
ogni 100 grammi 411 kcal, 8.2 grammi di proteine, carboidrati 44 grammi, lipidi 22.2 grammi.

PANETTONE
Ogni 100 grammi 333 kcal, 6.4 grammi di proteine, carboidrati 56.2 grammi, lipidi 10.7 grammi.

PANINI e CALORIE (kcal)
Panino al latte con prosciutto crudo o marmellata: 75; pizzetta al pomodoro e mozzarella: 150; spianata sarda con pecorino, olio e pomodoro: 170; fettina di pane nero al formaggio: 190; panino con prosciutto cotto: 210; tartina con finocchio e salmone: 230; hot dog con senape e crauti: 235; toast con fontina e prosciutto: 270; panino co hamburger: 280; panino integrale con formaggio e verdure grigliate: 300; piadina con prosciutto crudo: 330; tramezzino con gamberetti e maionese o con tonno e uova: 400; focaccia pomodoro e mozzarella: 400; hamburger multistrato con pancetta: 480; club sandwich ricco: 490.

PAPPA REALE
100 grammi di pappa reale (147 kcal) contengono: 66% di acqua, 14% di zuccheri, 10% di proteine, 6% di grassi, 1% di minerali. Gli stessi componenti possono essere ritrovati in molti cibi.
Non è quindi l'alimento miracoloso che spesso si crede!

PASTA (100 grammi = 325 kcal)
2.871.576 tonnellate sono state sfornate in Italia nel 1999. Sono attivi 183 pastifici con oltre 8000 addetti. In media sono mangiati 28.2 kg ogni anno, pari a 76.8 g al giorno.
 

PATATE: Quale tipo impiegare
Bollite: Agria, Monalisa, Nicola, Primura, Rosse.
Al forno: Bintje, Lady Christil, Monalisa, Primura.
Fritte: Agria, Bintje, Maritiema, Monalisa, Primura, Rosse.
Puré: Bintje, Fregate, Monalisa, Primura, Rosse.
Insalate: Agria, Nicola.

PERMANENZA DEGLI ALIMENTI NELLO STOMACO
Fino a 30' (glucosio, fruttosio, miele, alcool, bibite elettrolitiche isotoniche);
30'-60' (te', caffe', latte magro, limonate);
60'-120' (latte, formaggio magro, pane bianco, pesce cotto, riso asciutto, pure' di patate);
120'-180' (carne magra, pasta cotta, legumi verdi e carote cotte, omelette, banane);
180'-240' (formaggio, pollo o gallina, vitello, patate arrosto, prosciutto, insalata verde, prosciutto, filetto ai ferri);
240'-300' (bistecca ai ferri, torte, arrosti, lenticchie e fagioli);
360' (tonno sott'olio, cetrioli, fritture, funghi);
480' (crauti, cavolo, sardine sott'olio).

PESCE
I grassi contenuti nel pesce sono prevalentemente di tipo insaturo: questi grassi, a differenza dei saturi contenuti nelle carni, non incrementano la quantità di colesterolo circolante. Alcuni pesci sono anche ricchi di un particolare tipo di grassi polinsaturi: gli omega-3. Questi grassi, in sigla DHA (acido Docosaenoico) e EPA (Eicosapentanoico), proteggono le cellule da elementi che possono danneggiarle, ad  al tempo stesso possono influire sui processi di coagluazione del sangue riducendone la tendenza alla trombosi. I pesci più "dotati" di omega-3 sono gli sgombri, le trote di lago, l'aringa, il tonno fresco, il salmone e l'acciuga, ma anche la spigola, il merluzzo o il nasello ne contengono, anche se in misura decisamente minore. I pesci di allevamento sembrano essere più ricchi di grassi totali, ma meno ricchi di questi particolari tipi di grasso.

PESI E MISURE (dati S.I.N.U. 1996)

 
1 cucchiaino (da caffè) equivale a 
4 g di burro 
6 g di marmellata 
5 g di miele 
5 g di di zucchero 

1 cucchiaio (da tavola del volume di 10 cc) equivale a 
13 g di burro 
10 g di cacao in polvere (cucchiaio colmo) 
11 g di farina di frumento 00 (cucchiaio colmo) 
9 g di maionese (cucchiaio raso) 
14 g di marmellata (cucchiaio raso) 
9 g di miele 
9 g di olio 
14 g di panna da cucina (cucchiaio colmo) 
7 g di parmigiano (cucchiaio raso) 
10 g di parmigiano (cucchiaio colmo) 
15 g di pastina (cucchiaio colmo) 
8 g di riso (cucchiaio colmo) 
13 g di zucchero (cucchiaio colmo) 
9 g di zucchero (cucchiaio raso) 
 

pH (equilibrio acido-base)
Per garantire il buon funzionamento dell'organismo deve esserci un buon equilibrio fra gli acidi e le basi. L'eccesso di acidità nel sangue debilita l'organismo. Il sangue deve essere più ricco in basi che in acidi.
Un pasto che comprenda carne, pasta o legumi, formaggi o noci, pane bianco, apporta solo alimenti acidificanti ed è privo di basi.
Gli alimenti ricchi di basi sono: tutta la frutta (tranne noci e arachidi), tutte le verdure (tranne piselli e fagioli), le patate, i cereali integrali.
Sono acidificanti il caffè, il tè, il cacao, gli olii.

PIZZA
Pizza napoli 520 kcal, pizza margherita  570 kcal, pizza prosciutto e funghi 700 kcal , quattrostagioni 770 kcal (peso medio della pizza 330 g).

PROPOLI
Resina che le api preparano per assicurare l'equilibrio igienico dell'alveare. Contiene flavoni (azione protettiva sui capillari sanguigni), sostanze acide ad azione antibatterica, sostanze antivirali e immunostimolanti.

RICOTTA ROMANA
Il termine ricotta deriva dal latino “recotus”, termine che stava a indicare la ricottura del siero dopo la produzione del formaggio.

RISO
Triplica il peso con la cottura. Il riso Parboiled è ottenuto lasciando il chicco di riso immerso in acqua per 1-2 giorni e sottoponendolo, poi, all'azione del vapore. Questo trattamento permette di diffondere i componenti idrosolubili (es.vitamine) verso l'interno del chicco, prima della raffinazione, mantenendo integre le caratteristiche del riso integrale, fatta eccezione per le fibre.

SALE
Consumo giornaliero medio di sodio in Italia =10 grammi. Di questi 6,5 grammi sono "nascosti" negli alimenti, 3,5 grammi sono aggiunti per condire gli alimenti. Assunzione da non oltrepassare = 6g (USA), 8 g (UE).
E' consigliabile l'assunzione di sale iodato. In Italia, infatti, 5 milioni di persone soffrono di disturbi causati dalla carenza di iodio (il 20% dei ragazzi in età scolare). Il sintomo piu' evidente del deficit di iodio e' un aumento del volume della tiroide.

SNACKS e DINTORNI
Questi alimenti vengono anche detti "junk food" (cibi cianfrusaglia).
100 g di patatine fritte apportano 500-550 kcal. Le patatine fritte da fast-food apportano invece 250 kcal, sempre per 100 grammi.
1 Pocket Coffee (12,5 grammi): 53 kcal.
1 Twix (42 g): 207 kcal
1 Kinder bueno (43 g): 245 kcal
1 pacchetto di Pavesini al cocco (25 g): 102 kcal

SPINACI
Solo l'1,4% del ferro degli spinaci è disponibile, rispetto al 20% delle carni rosse.

SPORT
Con il sudore viene persa una grande quantita' di acqua ma pochissimi sali. Dopo lo sport, quindi, un po' di acqua fresca va bene, mentre i sali perduti possono essere integrati al primo pasto, soprattutto con frutta e verdura.
Camminare speditamente per 40 minuti comporta un consumo di 180 kcal (1 caffè ed 1 brioche).
Esempio di pasto PRE-gara:
pasta asciutta con sugo di pomodoro e olio di oliva; pollo o tacchino senza condimenti grassi; insalata mista; frutta fresca di stagione.
Esempio di pasto POST-gara:
minestrone con verdure, legumi, patate, olio di oliva; carni magre; insalata mista, ortaggi, legumi; frutta fresca di stagione, acqua minerale a buon contenuto salino.

SPUMANTE
Diverso è il contenuto di zuccheri nei diversi tipi di spumanti:
extra brut <6 grammi/litro, brut = 6-15 g/l, extra-dry = 12-20 g/l, dry = 17-35 g/l, semisecco o abboccato o medium dry = 33-50 g/l, dolce >50 g/l.

STRUZZO
Carne di struzzo ogni 100 g 87 kcal, 1% di grassi, 57 mg/100 di colesterolo, proteine 21%, ferro 2,6-2,9 mg%

SUCCO DI FRUTTA
Il termine "succo di frutta" esprime un contenuto pari al 100% di frutta. "Nettari" e "succo e polpa" ne contengono il 50%. Un bel "pasticcio", vero?

TARTUFO
Ogni 100 grammi di questo carissimo prodotto della natura, simile nutrizionalmente al fungo, apporta 31 kcal, 6 grammi di proteine, 0,7 grammi di di grassi e 0,6 grammi di carboidrati. Il particolare odore del tartufo è dovuto ad un composto solforato, il metil-tio-mercaptale della formaldeide.

TE'
Il te', spesso somministrato ai bambini, e' un potente inibitore dell'assorbimento del ferro.
Pertanto l'uso del te' in eta' infantile non puo' essere raccomandabile.
Il te' e' eccitante (rilasciano la caffeina) se le foglie vengono lasciate riposare fino a 2 minuti, e, viceversa, e' rilassante (rilasciano il tannino) se si lascia per cinque minuti ed oltre.
D'altra parte il tè, soprattutto quello verde, fornisce alte concentrazioni di antiossidanti particolarmente protettive sui vasi sanguigni.

TOFU
Detto anche formaggio di soia. Si ottiene facendo coagulare il latte di soia con aceto, a 75 gradi o con sali di calcio e magnesio. Si conserva immerso in acqua, in frigo, per non più di 10 giorni. Ha sapone neutro, non ricorda il formaggio. Contiene circa l'8% di proteine (più o meno come la ricotta), che sono però carenti di aminoacidi solforati metionina e cisteina. Il tofu è molto più povero di grassi del formaggi: ne contiene 10-15 volte di meno. Apporta vitamina E, ferro, calcio, fosforo. Non ha sale, colesterolo e acidi grassi saturi che favoriscono la colesterolemia alta ed è molto meno calorico: 100 grammi di tofu apportano 73 kcal.

TORRONE
ogni 100 grammi 479 kcal, 10.8 grammi di proteine, carboidrati 52 grammi, lipidi 26.8 grammi.

TUMORI
COMBATTIAMO ANCHE A TAVOLA I TUMORI !
Riduzione di incidenza percentuale minima e massima prevista con la sola dieta:
POLMONE (20-33%), STOMACO (66-75%), MAMMELLA (33-50%), COLON-RETTO (66-75%), BOCCA-NASO-FARINGE (33-50%), ESOFAGO (50-75%), PROSTATA (10-20%).

UOVA
1 uovo, in genere, apporta 6 grammi di proteine di alto valore nutrizionale.
Con il tempo si e' ridotto il valore energetico (da 156 a 128 kcal/100g), l'apporto lipidico (da 11,1 a 8,7 grammi/100 g) e colesterolo (da 504 a 371 mg/100 g). Tra l'altro il peso medio di un uovo e' ora di 50 grammi contro i 60 grammi precedenti.
Per norma europea il periodo di durata delle uova puo' essere, al massimo, di 28 giorni dalla deposizione.
Categoria "A": uova "fresche", quelle cioe' la cui camera d'aria, fino all'ultimo giorno della durata indicata sulla confezione, non deve superare i 6 mm di altezza.
Categoria "A EXTRA": uova freschissime, la cui camera d'aria non deve superare i 4 mm di altezza in tutto il periodo indicato sull'etichetta stessa ( 9 giorni dalla deposizione o 7 giorni dall'imballaggio).
Categoria "B": uova di seconda qualità o conservate
Categoria "C": uova per industria.
Classe di peso: XL-grandissime (oltre 73 g), L-grandi (63-73 g), M-medie (63-53 g), S-piccole (<53 g).
La cottura prolungata (uovo sodo), allunga i tempi di digestione (3 ore) mentre crudo o alla coque necessitano di 2 ore.
Dalla deposizione al momento dell'uso, l'uovo dovrebbe essere tenuto sempre in frigo. Infatti a temperatura ambiente l'uovo si deteriora molto più rapidamente. La refrigerazione previene inoltre eventuali inquinamenti da salmonelle. In 24 ore fuori dal frigo, una sola salmonella può riprodursi 1 milione di volte, mentre a temperature inferiori a 4°C non si riproduce. Le uova dovrebbero essere conservate nella parte più fredda del frigorifero ma non negli scaffali della porta dove la temperatura non è in genere abbastanza bassa. Dal 1 gennaio 2004, tramite un codice alfanumerico, il consumatore può leggere l'etichetta di ogni uovo:

0: tipologia di allevamento (0=biologico, 1=all'aperto, 2=a terra, 3=in gabbia)

IT: stato di produzione

888: codice ISTAT del comune di produzione

PT: provincia di produzione

001: codice univoco dell'allevamento

DEP: data di deposizione giorno/mese o data preferibile consumo (facoltativo)

VITAMINE
Questa e' il numero delle dosi (pari al valore protettivo) per ogni vitamina oltre la quale la stessa risulta tossica. attenti quindi a non eccedere con gli integratori vitaminici e nutrizionali.
Vita A (5,5), Vit D (2.5), Vit E (40), Vit. C (10),  Tiamina (10), Niacina ( 2), Piridossina (4), Folacina (5), Vit. B12 ( 15), Biotina (4).

VITAMINA C
Per un adulto e' consigliata l'assunzione giornaliera di 60 mg di vit.C= 3 mandarini o 150 g di fragole o 3 patate novelle lesse o 3 pomodori maturi.
90 mg e' il quantitativo consigliato per la mamma che allatta= 2 arance o 1 pompelmo o 1 bicchiere di spremuta d'arancia o di limone.
Per i fumatori (ma non fumate!) occorrono 120 mg al giorno.

ZOLFO
Attenzione a non eccedere in alimenti ricchi in zolfo (hamburger, patatine fritte, birra, bistecca, sottaceti, salsicce, crauti, pure' di patate istantaneo). Possono causare disturbi intestinali piu' o meno fastidiosi. Previlegiare il consumo di frutta e verdura fresca.

ZUCCHERI
La differenza tra lo zucchero raffinato (99,9% di saccarosio) e lo zucchero grezzo (98% di saccarosio) è pochissima (meno di 2 punti percentuali). E quindi 7 grammi di zucchero raffinato apportano 28 kcal, mentre 7 grammi di zucchero grezzo ne apportano 27,5.

ZUCCHERI, DOLCIFICANTI e.... DINTORNI

SACCAROSIO.
È il comune zucchero bianco ed è formato dall'unione di due zuccheri semplici: glucosio e fruttosio. Il suo valore calorico è di 4 kcal per grammo.

SACCARINA.
E' il dolcificante sintetico più antico ed utilizzato nel mondo. E' 300-500 volte più dolce del saccarosio; resiste al calore e può essere utilizzata nei comuni impieghi alimentari; non è metabolizzata dall'organismo, non dà calorie e non dà luogo a rialzi glicemici, può quindi essere utilizzata tranquillamente nel diabetico. A causa del suo tipico retrogusto amaro metallico, è sempre meno usata da sola come dolcificante, ma più spesso assieme ad altri, che migliorano il gusto ed aiutano a far massa.
La DGA (dose giornaliera ammissibile) = 0-2,5 mg/kg di peso corporeo.

ASPARTAME.
L'aspartame è formato da due aminoacidi: acido aspartico e la fenilalalina, naturalmente presente in molti cibi.
Pur dando 4 kcal per grammo (come lo zucchero), poiché dolcifica circa 200 volte più del saccarosio, ne basta pochissimo per dolcificare. Non influisce sulla glicemia e può quindi essere utilizzato con sicurezza dai diabetici. A causa della sua instabilità nelle soluzioni acquose ed alle alte temperature, non può essere utilizzato nei prodotti da forno ed in molte bevande. Questo dolcificante è controindicato nei soggetti affetti da fenilchetonuria.
La DGA è di 0-40 mg/kg.

ACESULFAME POTASSIO.
Simile alla saccarina ma non ne ha il caratteristico retrogusto amaro. Dolcifica 130-200 volte più dello zucchero. Non dà calorie ed è adatto quindi sia nel diabete che nelle diete dimagranti. Può essere utilizzato nei prodotti da forno.
La DGA è 0-9 mg/kg.

CICLAMATI.
E' 25-50 volte più dolce dello zucchero. Non dà calorie. Adatto nei diabetici. Alcuni studi hanno mostrato una certa tossicità.
DGA = 0-11 mg/kg.

SORBITOLO.
E' presente in natura in diversi frutti e piante (pere, mele, sorbo degli uccellatori, ecc.). Pur avendo le stesse calorie dello zuccchero, essendo assorbito solo in parte, fornisce circa la metà delle calorie  del saccarosio ed è adatto ai diabetici. I suoi effetti collaterali sono gli effetti lassativi che compaiono dopo certe dosi (50 grammi nell'adulto). Controindicati nella prima infanzia.  La diarrea avviene per effetto osmotico.
Il sorbitolo è ampiamente utilizzato dall'industria alimentare e farmaceutica (gomme, caramelle, prodotti per diabetici, sciroppi per la tosse). Non produce carie, è ipocalorico, non è fermentabile, tende a fissare aromi e colori.

XILITOLO.
Nell'organismo è convertito a glucosio e glicogeno. Avrebbe un'azione anticarie. Per quantità superiori a 50 grammi si manifestano effetti lassativi.

MALTITOLO.
E' formato da glucosio e sorbitolo. Poiché solo il 25% è metabolizzato dall'organismo, ha un basso potere calorico e può essere utilizzato dai diabetici. Non è cariogeno, nei prodotti da forno e dolciari fa "massa",
E' molto utilizzato nel cioccolato "senza zucchero", nei panettoni, gelati, gélée. Un consumo di maltitolo superiore ai 20-30 g/die, potrebbe dare effetti lassativi.

ISOMALTITOLO.
Viene metabolizzato dall'organismo a glucosio (50%), sorbitolo (25%) e mannitolo (25%).
Solo la metà del glucosio da esso derivato è metabolizzato e può dare energia. Per questo motivo viene considerato ipocalorico e può essere utilizzato nei diabetici. Non è cariogeno ed alte dosi possono causare effetti lassativi.

LATTITOLO.
Viene metabolizzato dall'organismo a galattosio e sorbitolo. Dosi superiori a 50 grammi possono causare diarrea.

FRUTTOSIO.
Il fruttosio fa parte del saccarosio. In natura ci sono molti frutti che ne contengono buone quantità (uva, mele, prugne, datteri, ciliegie, arance, ecc.). Anche il miele ne è una buona fonte.
Pur possedendo le stesse calorie dello zucchero (4 kcal per grammo), dolcifica 1,7 volte di più, e quindi può essere utilizzato in minore quantità.
L'interesse nei suoi confronti nasce anche dal fatto che per essere metabolizzato ha bisogno di meno insulina, e la sua somministrazione, entro certe dosi, non incrementa la glicemia.
Il fruttosio è assorbito rapidamente ma non provoca bruschi rialzi glicemici come lo zucchero e il destrosio (glucosio), che invece provocano tramite l'insulina la rapida caduta della glicemia.