GIUSTOPESO CON
DIETA on LINE... e non solo

L'ANGOLO DELLE PROPOSTE, DEI LIBRI... E DELLE IDEE
(copyright by www.giustopeso.it)

Desideriamo informare gli utilizzatori  di Internet che negli ultimi tempi si sono verificati casi di truffe da parte di alcuni fornitori di  informazione ai danni di chi naviga in Rete. E' utile ricordare il rischio che si corre installando  sul proprio computer files eseguibili (exe) scaricati dalla rete. La invitiamo pertanto, nel suo esclusivo interesse,  a prestare estrema attenzione nello scaricare da Internet sul Suo PC files eseguibili (exe); utilizzare un software antivirus specifico ed aggiornato, in grado di riconoscere la disconnessione non voluta, la manomissione del modem e la selezione di un numero a Suo insaputa; verificare di tanto in tanto, durante la navigazione, la correttezza del numero di cottegamento al Suo ISP (Internet Service Provider); utilizzare, per maggior sicurezza, il servizio di "autodisabilitazione" per evitare chiamate involontarie in uscita dalla Sua linea telefonica.

   

IL CUORE

C'era una volta un cuore, 
che un giorno incontrò il suo amore.
Non si lasciarono mai e
il cuore disse "ci sposiamo, dai!".
Si sposarono ma il cuore disse: 
"Prete che cosa hai lì?"
"degli anelli".
"E perchè ce li dai?".
"Perchè Dio non vi faccia separare mai."

(Matteo, 8 anni)


 
L'angolo del buon umore

AUTOBIOGRAFIA DI UNA PENNA
La mia storia inizia quando dalla fabbrica mi portano in una cartoleria e, se un bambino ha bisogno di me, mi compra. Mia mamma Penna Stilografica dice che sono fortunato ad avere la punta a sfera perchè così non sporco il foglio e mi asciugo subito. Quando io scrivo, siccome sono un pò ignorante, sbaglio; allora interviene mia cugina Gomma e, se non è sufficiente, chiama in aiuto suo fratello Bianchetto. 
Io ho molte sorelle a inchiostri di colore diverso; io ad esempio sono a inchiostro nero, poi c'è quella rossa, blu, verde. Ho saputo che ve ne sono di altri colori e fosforescenti. La Replay si crede la più brava perchè cancellabile: io credo solo che sia la più insicura.
Hai visto quanto è varia la mia famiglia? Ci troverai tutte in cartoleria.... a presto!

Andrea, 9 anni.


IL TOPO CARLETTO
Topo Carletto era un topolino che voleva andare a vivere in campagna, perché la città non gli piaceva più.
Partì quindi tutto solo ed iniziò la sua avventura credendo di essere già grande, forte e coraggioso. 
Durante il suo viaggio cercò nuove amicizie, ma tutti quando lo vedevano ridevano e scappavano: 
non avevano mai visto un topo di città con occhiali da sole, zainetto e scarpette da tennis. 
Topo Carletto non capiva il perché e cominciava a diventare triste, quando, cammina, cammina incontrò Cip l’uccellino. 
Subito cominciarono a parlare e si accorsero che andavano nella stessa direzione: 
tutti e due cercavano una campagna per vivere e Cip era stato l’unico animale a non ridere di lui. 
Carletto e Cip diventarono amici ed insieme, dopo aver diviso il pasto, si addormentarono. 
Al mattino un raggio di sole li svegliò, ripresero il cammino e arrivarono finalmente in campagna. 
Qui furono attratti dai colori rosso, giallo marrone, delle foglie di una vigna e dagli alberi da frutta: mele e pere. 
I due amici si guardarono e furono d’accordo che quella era la loro nuova casa. 
Vedendo un tronco d’albero con un buco, si avvicinarono piano piano e quando capirono che era vuoto, entrarono urlando 
"Evviva siamo a casa!".
I giorni successivi, cominciamo a sistemare il loro rifugio, cercarono foglie, paglia e rametti per rendere l’ambiente più caldo. 
Sistemarono per benino la nuova casa, e non si accorsero che era già arrivata la stagione fredda. 
Avevano tanto lavorato per la casa, che si erano scordati di fare provviste per l’inverno, 
allora topo Carletto rivolgendosi a Cip che era già molto preoccupato disse:
" AMICO MIO, MEGLIO UN UOVO OGGI CHE UNA GALLINA DOMANI.
Questo è un proverbio che mio nonno recitava sempre. Usciremo tutte le mattine a turni, per procurarci il cibo, vedrai ce la faremo”.
Infatti trascorsero l’inverno senza tanta preoccupazione e felicemente, anche perché in campagna qualcosa da mangiare si trova sempre.
I due amici trascorsero l’inverno insieme e insieme superarono tante difficoltà, accontentandosi ogni giorno di quello che trovavano, 
non pensavano al domani, ma ogni giorno erano felici di stare insieme. 
Passato l’inverno, la primavera ritornò e finalmente poterono giocare all’aperto, tra l’erba verde e i fiori dei campi.
Si sentivano grandi e soddisfatti per essere riusciti anche da soli a vivere in campagna come avevano desiderato. 
Fecero tante amicizie e ogni giorno vivevano avventure nuove, insegnando anche ad altri come sapersi accontentare anche di poco, 
senza pensare all’abbondanza, meglio poco e subito, invece che tanto e non si sa quando.

Andrea, 10 anni.
 

DIALOGO TRA 2 MASCHERE
In una vetrina di un negozio che vende maschere c'è un grande bisbìglio;  si vedono due maschere che parlano: 
-Chi sei?
-sono una maschera.
-Anch'io.
-Che maschera sei, sei così strana, sembri un arcobaleno.
-Ma no, sono una maschera di arlecchino.
-Arlecchino? Ha! Non posso credere che le cuciono ancora.
-E perchè no?
-Perchè sono troppo antiche!
-E tu che maschera sei?
Beh, io sono una maschera di Pockemon.
-Oh, beato te, vorrei tanto essere al tuo posto!
-Non ti preoccupare, con qualche ritocco quà e là sarai un Pockemon perfetto.

In quel momento passò di lì un appassionato di maschere antiche.
Chiese al negoziante se ne aveva una e il negoziante era confuso perchè sapeva di averne messa una proprio lì.
La maschera di arlecchino divenne rossa dalla rabbia perchè aveva perso l'occasione di essere comprato.
Mi sembra di verderli ancora che lo inseguono correndo tanto veloce che sembrano due Pockemon.

Andrea, 10 anni.

 Se ti è piaciuta scrivimi qui

 
SIGARETTE A GO-GO: Cosa ne pensate dei distributori automatici di sigarette (accessibili anche ai minori)? 

Vuoi scrivere qui le tue impressioni ?


 
PER I NAVIGATORI PIU' GIOVANI
(European Research Into Consumer Affair)
Non comunicare a nessuno via internet il tuo indirizzo di casa, il tuo numero di telefono o il nome della tua scuola. Non inviare la tua fotografia e non metterti d’accordo per un incontro. 
Non inviare a nessuno i dati della carta di credito o del conto bancario senza prima consultarti con i tuoi genitori o con chi si occupa di te. Qualcuno potrebbe usarli  per derubarti. 
Non rivelare a nessuno la tua  password, perchè potrebbe fingere di essere te. 
Ricorda che le persone che contatti online non sono sempre quello che sembrano, anche chi  diventa tuo amico o keypals  (“amico di tastiera”). La gente non  sempre dice la verità, online nessuno può vederli. 
Non tutti gli spazi chat sono sinceri  anche se dicono di essere in special modo per bambini o ragazzi. Se qualcuno dice o scrive qualcosa in una chat o in una e email che ti turba o ti preoccupa,  segnalalo. 
Non rispondere mai a un brutto  messaggio. Racconta sempre ai tuoi genitori o a chi si occupa di te se ricevi simili messaggi o se vedi fotografie indecenti mentre sei on line. Ci sono organizzazioni che possono impedire questo tipo di cose. 
Ricorda, se qualcuno ti fa un’offerta che sembra troppo bella per essere vera, che è probabilmente uno scherzo! 
In linea di massima, è bene inoltre esercitare una certa sorveglianza, specialmente per i più giovani, sull’attività svolta in rete. 

 
GIOCHIAMO A RICICLARE
(ognuno di noi produce oltre 1 kg di rifiuti al giorno)

Possiamo riciclare le bottiglie dell'acqua, piccole taniche, flaconi  per detersivi e detergenti, i vasetti dello yogurt e similari. Vanno invece gettati piatti e posate di plastica, buste di plastica, i tubetti del dentifricio,  le videocassette e tutti i contenitori di sostanze nocive contrassegnati con C, F, T, X (colle e solventi). 
Anche la carta va distinta  minuziosamente. Giornali, libri, quaderni, riviste e opuscoli, fotocopie, scatole, cartone da imballaggio vanno riciclati ma senza  l'eventuale involucro di plastica trasparente. Non va bene la carta plastificata, quella unta, quella  assorbente, fazzoletti e tovaglioli usati, tetrapak (buste del latte, succhi di frutta o vino). 
Tutto il vetro può essere riciclato tranne il pirex, le lampadine tradizionali e al neon, la porcellana,  la ceramica e gli specchi. 
Ottimi da riciclare sono i barattoli e le scatolette  per alimenti conservati ed i contenitori in acciaio per bibite. Non vanno bene il ferro, i contenitori metallici di sostanze nocive contrassegnati con C, E, F, T, X (bombolette spray, colle, insetticidi, vernici).
Altre informazioni:

per il legno 
per il compostaggio
per le batterie
per gli olii

 

LETTURE CONSIGLIATE

Siamo due mamme della provincia di Milano che hanno un passo piccolo ma concreto riguardo alle cattive abitudini alimentari dei bambini. Convinte che le buone abitudini non si prendono "per dovere" ma "per piacere", abbiamo coinvolto figli e nipoti nella preparazione dei piatti (fin da piccolissimi), insegnando loro a riconoscere gli ingredienti sani attraverso un'attività (la preparazione quotidiana dei pasti) che ai loro occhi era solo un gioco. Questo tempo passato assieme in cucina ha dato ai bimbi un focolare sereno, dove parlare, condividere un lavoro importante, acquisire competenze. Da questo felice esperimento è nato un libro, edito da Franco Angeli, che si chiama IN CUCINA CON I NOSTRI BAMBINI. La proposta è quella di invitare i genitori e i nonni a fare quello che fino agli anni Sessanta si è sempre fatto: cucinare in casa, affidando alla cucina il ruolo di moderno focolare, dove stare insieme, parlare, condividere, tramandare la cultura alimentare del nostro paese. Nel libro abbiamo raccolto le nostre esperienze e le nostre ricette (presentate sotto forma di attività e tutte a base di ingredienti semplici e sani, con tanta verdura, cereali e legumi).


www.francoangeli.it

libri per bambini

Mio figlio mi divora. Lyliane Nemet-Pier. Magiedizioni. 2006

Cosa vede il mio bambino. Eugenio Mercuri, Giovanni Cioni, Elisa Fazzi. 2005. Milano, Arti Grafiche Confalonieri 44 pagine.

Non solo amore. Anna Oliviero Ferraris. 2005 Edizioni Giunti-Demetra 219 pagine

Un dottore tutto matto, sulla testa un gatto. Federica Scrimin (Bruno Pincherle Storia e storie di un pediatra). Editoriale Scienza 2004.

La dislessia. Giacomo Stella. Il Mulino 2004

Bambini disattenti ed iperattivi. Gian Marco Marzocchi. 2004 Il Mulino - 136 pagine

I nuovi nonni. Quando nasce un nipotino. di M. Zattoni e G. Gillini. 2004 San Paolo

Quando imparai a addomesticare i ragni. di Jutta Richter. Salani editore

Giochi per star meglio.di Renata Bronzino ed Elio Giacone Editrice Elledici, Piccoli
(passatempi da proporre ai bambini ricoverati in ospedale)

Figlie in lotta con il cibo. di Roberto Ostuzzi e Gian Luigi Luxardi (Baldini & Castoldi)

Grammatica della fantasia. di Gianni Rodari, Einaudi 1973

Impara a difenderti di Helen Benedict Fabbri Editori Collana "I delfini"
(si rivolge ai ragazzi dai 12 anni e spiega cosa sono gli abusi sessuali e come difendersi)
 

Bambini che amano stare da soli di Paola Corsano McGraw Hill. Milano1999. 211 pagine 

Filastrocche da sgranocchiare  illustrazioni di Serge Ceccarelli di Corinne Albaut Motta Junior, Milano 1998

Pappe da favola di Carmela Cipriani e Arrigo Cipriani Sperling Paperback, Milano 1999

Giochi, burro e marmellata di Carmela Cipriani e Irene Campominosi Sperling &Kupfer Editori, Milano 1996

Mangia che ti racconto di Carmela Cipriani Sperling Paperback, Milano 1998

Storie da mangiare Gruppo editoriale Giunti e Camst Bologna 1998

Cuore di ciccia di Susanna Tamaro Ed. Mondadori 2000 - 108 pagine

Al suo barbiere Einstein la raccontava così - Vita quotidiana e quesiti scientifici di Robert L. Wolke Ed. Universale Economica - SuperUe/Feltrinelli
2001 - 224 pagine

Il nonno non è vecchio di Donatella Ziliotto Ed. Feltrinelli 2001 - 48 pagine

Incubo pirata 1997- 96 pagine Giunti, Firenze

Tutti a tavola di Paola Rodari e Anna Curti,  ed.Emme Trieste 1997 - 44 pagine

Manualotto della natura Coccinella, Varese 1997

Il mio papà di Toon Tellegen Ed. Feltrinelli 2001 - 112 pagine

Giocare con sassi, foglie e... Coccinella Varese 1997

Le madri non sbagliano mai di G. Bollea Ed. Universale Economica Feltrinelli 1995 - 172 pagine

Uno sconosciuto in casa di Gianna Schelotto e Raffaele Morelli Ed. Riza Psicosomatica 2001 - 82 pagine

Come raccontare una fiaba... e inventarne cento altre. di P. Santagostino, Red Edizioni 1997

Quando un figlio fa disperare di Giuseppe Colombo  "I quando" S. Paolo

Lettere ai genitori di Marcello Bernardi,  Tea  2000 - 163 pagine

Quando dire no di Jan-Uwe Rogge Ed. Est 2001 - 227 pagine

Come crescere un bambino sicuro di sè di Paola Santagostino Ed. RED 2000 - 89 pagine

I no che aiutano a crescere di A. Phillips Ed. Feltrinelli 1999 - 187 pagine

I bambini hanno bisogno di regole di Helga Gürtler  Ed. RED 1999 - 93 pagine

Un papà su misura di Maria Malucelli  Ed. Franco Angeli/Le Comete 1999 - 156 pagine

Se mi vuoi bene, dimmi di no. di Giuliana Ukmar  Ed. Franco Angeli 1997 -164 pagine

Figli unici di Edoardo Giusti e Claudio Manucci Ed. Armando 1999 - 207 pagine

Il bambino e la sua voce di Silvia Magnani e A.R.T.E.C  Ed. Franco Angeli/Le Comete 2000 - 220 pagine

Mamma… Papà… Se ci sei batti un colpo! di Clara Serina Ed. Franco Angeli  208 pagine

I bambini non ve lo diranno mai... ma i disegni si'.  di Paola Federici Ed. Franco Angeli Le Comete1998 - 234 pagine


 

PRENDETE una moneta da 2 euro: il diametro di questa moneta è pari a quello del braccio di un bambino di 5 anni malnutrito!
Se siete sensibili al problema...
MEDICI SENZA FRONTIERE
via Volturno, 58 00185 Roma
tel. 064486921
www.msf.it
C/C postale 87486007
C/C bancario Monte dei Paschi di Siena, 
Ag. 6 Roma n. 14200.95

 
LA BANDA...DEGLI ONESTI
Segnalate a questo sito l'artigiano, il commerciante, il professionista che che piu' vi ha convinto (attivita', luogo, telefono).
Sara cosi'  possibile fornire ai visitatori di questo sito dei nominativi di lavoratori ONESTI (sempre piu' rari).